“La macchina pareva vivere di una vita propria, avere un'aria e un'effigie di corpo animato. Il legno esposto per anni ed anni al sole, alla pioggia, alla raffica, mostrava le sue fibre.....si sfaldava, si consumava, si faceva candido come un tibia o lucido come l'argento o grigiastro come la selce, acquistava una impronta distinta come quella d'una persona su cui la vecchiaia e la sofferenza avessero compiuta la loro opera crudele.."

La storiografia più recente è concorde nel ritenere che l’Abruzzo sia stato, per la sua vicinanza con Roma, una delle prime regioni a ricevere la cristianizzazione attraverso la Tiburtina Valeria, un collegamento costante con l’Adriatico. L’Abruzzo ha sviluppato sul suo territorio una notevole rete di santuari come punto centrale di fede. Eremi impervi, abbazie, grandi e piccole chiese.

Orsi e camosci, pareti di roccia e foreste, dolci paesaggi collinari e magnifiche spiagge sabbiose. Tra le alte vette del Gran Sasso, della Majella e del Velino e la linea dorata della costa, la natura dell'Abruzzo forma un quadro di grande varieta' e suggestione che e' possibile apprezzare in ogni momento dell'anno. Grazie ai parchi nazionali del Gran Sasso-Monti della Laga, della Majella e d'Abruzzo, al Parco Regionale Sirente-Velino, a una fitta rete di riserve naturali regionali e statali e di oasi.

Per circa 120 km il litorale costiero si estende con una pianura lineare, fermata per un solo tratto dal promontorio della Punta della Penna, dove ci sono delle alte costiere rocciose che spiovono sul mare. La costa è molto fertile e ben coltivata. Le piantagioni agricole scendono fino ad arrivare a ridosso delle spiagge, raramente più larghe di 100 m.

L’imponente figura di un guerriero italico risalente al V secolo a.C. è oggi l’emblema caratteristico dell’antico Abruzzo. Però tale scultura, nota col nome “Guerriero di Capestrano”, non è l’unica traccia evidente dell’esistenza di insediamenti umani stabiliti in queste zone. Per millenni la regione abruzzese è stata popolata da una moltitudine di persone e popoli differenti tra loro, ognuno dei quali ha contribuito ad arricchire l’Abruzzo con usi e costumi nuovi, nati dalla fusione tra vecchie e nuove tradizioni.

I PARCHI D’ABRUZZOiparchidabruzzoemozione.html
LE COSTE ABRUZZESIlecostedabruzzoemozione.html
LA COSTA DEI TRABOCCHIlacostadeitrabocchidabruzzoemozione.html
GLI EREMI E I CASTELLI IN ABRUZZOglieremieicastellidabruzzoemozione.html
ARCHEOLOGIA IN ABRUZZOarcheologiadabruzzoemozione.html
I PARCHIiparchidabruzzoemozione.html
LE COSTElecostedabruzzoemozione.html
LA COSTA DEI TRABOCCHIlacostadeitrabocchidabruzzoemozione.html
EREMI E CASTELLIglieremieicastellidabruzzoemozione.html
ARCHEOLOGIAarcheologiadabruzzoemozione.html
TEMATICHEtemiabruzzoemozione.html
HOMEPAGEhomepageabruzzoemozione.html

© simon d’urbano

© simon d’urbano

© simon d’urbano

© simon d’urbano

© alessandro lanci

i Comuni
D’ABRUZZOcomuniabruzzesidabruzzoemozione.html

a giorni attivi  i BLOG

Perchè

abruzzoemozione

SERVIZIservizidabruzzoemozione.html
percheabruzzoemozione.html
LAVORA CON NOIcontattiabruzzoemozione.html
ABRUZZESI nel MONDOabruzzesinelmondodabruzzoemozione.html
TURISMOturismodabruzzoemozione.html
GASTRONOMIAsaporiabruzzoemozione.html
ARTIGIANATOoridabruzzoemozione.html
NATURA e STORIA
EVENTIeventidabruzzoemozione.html

TURISMO D’ABRUZZO

GASTRONOMIA D’ABRUZZO

ARTIGIANATO D’ABRUZZO

ABRUZZESI nel MONDO

NATURA e STORIA D’ABRUZZO

EVENTI D’ABRUZZOhttp://www.abruzzoemozione.it/eventiabruzzoemozione/