LA TERRACOTTA E LE CERAMICHE

A LANCIANO

L’artigianato della ceramica è un’attività tradizionale propria di molti paesi d’Abruzzo, dal Gran Sasso alla Majella. Ma un posto di riguardo è da sempre riconosciuto a Castelli, il piccolo borgo immerso nel verde ai piedi del Monte Camicia, sul versante settentrionale del Parco Nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga. Castelli rappresenta il più famoso centro di produzione dell’arte della ceramica e della maiolica in Abruzzo. Da qui, fin dal quattrocento, gli splendidi manufatti, frutto della perizia e dell’abilità degli artisti artigiani, fanno il giro dei musei e delle fiere dell’artigianato più importanti del mondo, facendo conoscere Castelli come una delle realtà produttive più prestigiose in assoluto. La produzione di ceramica è ben avviata a Castelli dalla fine del quattrocento, e dal cinquecento i maestri maiolicai dell’antico centro della montagna teramana danno vita alla "pentacromia", la nuova tradizione cromatica che caratterizza il periodo aureo della produzione locale. I maestri castellani rispondono al nome di Ponpei, Lollo, Grue, Gentili, Cappelletti, Fuina. In molti casi si tratta di intere generazioni di artisti artigiani che si tramandano l’arte da padre in figlio. Fra il Seicento e il Settecento, con l’opera del maestro Carlo Antonio Grue, la ceramica di Castelli raggiunge la sua massima espressione, come ben dimostra Io straordinario

La terracotta

Nasce dalla terra uno dei più rappresentativi settori dell'artigianato abruzzese: la lavorazione della terracotta. A Lanciano, una romantica tradizione vuole che la Festa di Sant'Egidio sia caratterizzata dall'offerta di deliziose campanelle colorate in terracotta: per l'occasione le vie del centro si popolano di bancarelle. Un'altra produzione locale è quella delle "pignate" di creta: oggetti realizzati con metodi di cottura che li rendono molto robusti e resistenti alle alte temperature del forno da cucina.

soffitto maiolicato della chiesetta campestre di di S. Donato, a Castelli, con oltre ottocento mattoni decorati.  I pezzi prodotti nelle botteghe artigiane di Castelli si caratterizzano per i tipici colori impiegati; giallo, verde, azzurro, arancio e bruno manganese.  Le decorazioni si ispirano ai soggetti più vari: fiori, piante, paesaggi, sole, luna, stemmi, icone, ex-voto. Un appuntamento da non mancare è la mostra d’arte ceramica che in agosto anima l’intero borgo artigiano di Castelli.  Dell’abilità degli artisti artigiani, fanno il giro dei musei e delle fiere dell’artigianato più importanti del mondo, facendo conoscere Castelli come una delle realtà produttive più prestigiose in assoluto. La produzione di ceramica è ben avviata a Castelli dalla fine del quattrocento, e dal cinquecento i maestri maiolicai dell’antico centro della montagna teramana danno vita alla "pentacromia", la nuova tradizione cromatica che caratterizza il periodo aureo della produzione locale. I maestri castellani rispondono al nome di Ponpei, Lollo, Grue, Gentili, Cappelletti, Fuina. In molti casi si tratta di intere generazioni di artisti artigiani che si tramandano l’arte da padre in figlio. Fra il Seicento e il Settecento, con l’opera del maestro Carlo Antonio Grue, la ceramica di Castelli raggiunge la sua massima espressione, come ben dimostra Io straordinario soffitto maiolicato della chiesetta campestre di di S. Donato, a Castelli, con oltre ottocento mattoni decorati.  I pezzi prodotti nelle botteghe artigiane di Castelli si caratterizzano per i tipici colori impiegati; giallo, verde, azzurro, arancio e bruno manganese.  Le decorazioni si ispirano ai soggetti più vari: fiori, piante, paesaggi, sole, luna, stemmi, icone, ex-voto. Un appuntamento da non mancare è la mostra d’arte ceramica che in agosto anima l’intero borgo artigiano di Castelli. La fama di Castelli può ben dirsi unica proprio per l’alto valore artistico e culturale raggiunto. Oggi un contributo popolare alla tradizione regionale è fornito dagli artigiani di Loreto Aprutino, Penne, Lanciano, Civitella Roveto, Spoltore, Nocella di Campli.

CERAMICHE DI CASTELLI

LE CERAMICHE
L’ARTE ORAFAarteorafadabruzzoemozione.html
IL TOMBOLO E I MERLETTItomboloemerlettidabruzzoemozione.html
L’ARTE DEL FERROferrodabruzzoemozione.html
L’ARTE DELLA PIETRAlapietradabruzzoemozione.html
TEMATICHEtemiabruzzoemozione.html
HOMEPAGEhomepageabruzzoemozione.html
i Comuni
D’ABRUZZOcomuniabruzzesidabruzzoemozione.html

a giorni attivi  i BLOG

Perchè

abruzzoemozione

SERVIZIservizidabruzzoemozione.html
percheabruzzoemozione.html
LAVORA CON NOIcontattiabruzzoemozione.html
ABRUZZESI nel MONDOabruzzesinelmondodabruzzoemozione.html
TURISMOturismodabruzzoemozione.html
GASTRONOMIAsaporiabruzzoemozione.html
ARTIGIANATOoridabruzzoemozione.html
NATURA e STORIAsentieridabruzzoemozione.html
EVENTIeventidabruzzoemozione.html

TURISMO D’ABRUZZO

GASTRONOMIA D’ABRUZZO

ARTIGIANATO D’ABRUZZO

ABRUZZESI nel MONDO

NATURA e STORIA D’ABRUZZO

EVENTI D’ABRUZZOhttp://www.abruzzoemozione.it/eventiabruzzoemozione/